Ricerca Contenuto Navigazione

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Ti trovi in: Home > ANTIRICICLAGGIO - Transparency International "The Cost of Secrecy"

ANTIRICICLAGGIO - Transparency International "The Cost of Secrecy"

Torna all'archivio

Condividi questo articolo:


Sul sito dell’Associazione non governativa Transparency International UK, è stato pubblicato l’allegato Rapporto “The cost of secrecy. The role played by companies registered in the UK’s Overseas Territories in money laundering and corruption”.

Il predetto Rapporto pone in evidenza come i territori scelti come paradisi fiscali ai fini di riciclaggio, corruzione o evasione fiscale sono principalmente le Isole Vergini, le Cayman, Bermuda, Gibilterra, Turks e Calcos, Anguilla; in questi Paesi, non esiste un registro pubblico delle imprese; verso tali territori si registra un flusso finanziario di circa 250 miliardi di sterline di origine illecita; le imprese che si sono localizzate nei menzionati sei territori sono in numero di 1.201, delle quali oltre il 90 per cento nelle Isole Vergini, mentre 213 di dette imprese sono risultate legate a fatti di riciclaggio e corruzione.

Per quanto riguarda gli Stati nei quali originariamente sono stati commessi i reati, il Rapporto indica come principale la Federazione Russa, seguita da Ucraina, Kazakhistan, Nigeria e Azerbaijan; le somme riciclate nel corso di un anno ammontano a circa 90 miliardi di sterline, dei quali oltre la metà provengono da cittadini russi e secondo una stima indicata nel richiamato Rapporto, su 10 immobili acquistati a Londra, quattro risultano comprati con denaro riciclato di provenienza russa.

 

Leggi il Rapporto "The Cost of Secrecy" cliccando, a fianco, nella Documentazione Correlata

Ultima Modifica: 19/12/2018

Back to Top